Mercato dei droni marini in Italia triplicherà il suo valore entro il 2030

Verso un’espansione significativa del settore dei droni marini e subacquei in Italia, il valore stimato del mercato è destinato a triplicare, raggiungendo la cifra di 189 milioni di euro entro il 2030, un aumento considerevole e che corrisponde al triplo dei 63,4 milioni di euro fatti registrare nel 2022. I dati sono in linea con il mercato globale, che riflette questa tendenza positiva proiettandosi da 5,9 miliardi di euro a ben 18,9 miliardi entro lo stesso periodo.

Questo sviluppo impressionante è descritto nel primo studio dedicato all’industria dei droni marini su scala mondiale, condotto da PwC Strategy&Italy, che è stato svelato in anteprima lo scorso 17 ottobre durante Sea Drone Tech Summit l’evento digitale dedicato alla robotica marina .

Il report evidenzia anche le cinque principali applicazioni dei droni marini attualmente in uso globalmente:

  • 30% totale delle applicazioni sono della ricerca scientifica
  • 24% ingegneria acquatica
  • 19% ambito militar e sicurezza
  • 15% missioni di ricerca e soccorso in mare
  • 12% attività commerciali e ricreative, che riguardano riprese video con droni marini

» LEGGI ANCHE: I migliori droni subacquei per il mercato consumer

L’Italia vanta oltre 40 progetti nel settore della robotica marina, impegno sostenuto da una spesa in ricerca e sviluppo stimata in più di 20 milioni di euro. Numerose grandi imprese, insieme a molte avviate start-up, stanno portando avanti questi progetti. Proficua collaborazione anche con molti laboratori del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Enea, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, l’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale e molte università sparse in Italia.

“In termini di innovazione e complessità, la filiera italiana della robotica marina si presenta più articolata che mai, con un grande impegno sia nel campo scientifico che industriale,” sottolinea Luciano Castro, presidente e promotore dell’evento. “L’opportunità di presentare in anteprima questo rapporto sul mercato italiano durante il summit ci offrirà la possibilità di descrivere più accuratamente la realtà e gli sviluppi futuri del settore dei droni acquatici, oltre a offrire una panoramica delle ultime innovazioni della ricerca, della tecnologia e delle applicazioni.”